Il progetto accarezzato da anni di un prolungamento fino a Vienna della ferrovia transiberiana pare cominciare a prendere forma concreta, scrive l'ICE.

Il Ministro delle Infrastrutture, Joerg Leichtfried (Partito Socialdemocratico), ha presentato uno studio secondo il quale un prolungamento della ferrovia a scartamento largo e la realizzazione di un terminal su territorio austriaco fornirebbero un forte impulso all’economia austriaca. Secondo lo studio il progetto potrebbe promuovere in giro di affari di 15,5 miliardi di euro e creare 127 mila posti di lavoro.

La costruzione del tronco di 400 chilometri per collegare Vienna a Kosice (Slovacchia), attuale terminal della transiberiana, potrebbe iniziare nel 2023 e concludersi nel 2033 per un costo complessivo di 6,5 miliardi di euro.