La stampa finanziaria commenta con toni critici l’intervento dell’Ispettorato del Mercato su un produttore locale di birra che ha promosso prodotti alcolici e lo ha fatto in lingua inglese, omettendo lo sloveno, in occasione del Metaldays festival di Tolmino.

Sebbene le multe, inizialmente previste per rispettivi 840 e 1.200 euro siano state poi trasformate in un avvertimento, la questione sollevata riguarda i red tape ancora esistenti nonostante l’impegno del Governo nel miglioramento del business climate e nel programma Stop Bureacracy.