domenica, Settembre 20, 2020

Castagne, che attacco a Gasperini: “Come allenatore è il top, ma sul piano umano…”

Must Read

Juve, Pirlo chiude la porta a Suarez: “Passaporto difficile, non credo arriverà”

Ci ha pensato Andrea Pirlo a spazzare via anche gli ultimi dubbi su quale sarà il prossimo centravanti della...

LG Q31, l’azienda presenta il suo nuovo telefono “low-cost”: dettagli e prezzo

Cosa c'è di meglio che poter acquistare un telefono con buone specifiche tecniche ad un prezzo molto conveniente? Probabilmente...

Il coronavirus ha fatto perdere molti posti di lavoro. Cala il tasso di occupazione

La pandemia di coronavirus ha causato tantissimi problemi, specialmente dal punto di vista economico. L'emergenza sanitaria e le conseguenti...

Tre stagioni, 96 presenze tra campionato e coppe, 8 reti e l’emozione di segnare anche un gol in Champions League. L’esperienza all’Atalanta di Timothy Castagne è stata senz’altro positiva, ma era ormai giunta al capolinea. Per questo il laterale belga ha deciso di accettare la corte del Leicester City, che ha fortemente voluto il (quasi) 25enne di Arlon.

L’intesa tra il club inglese e i bergamaschi è stata trovata sui 25 milioni di euro. Una cifra che consente al Leicester di poter disporre di un terzino di grande corsa e tecnica e all’Atalanta di generare una plusvalenza di 23,5 milioni di euro, dato che a Castagne restava un solo anno di contratto con gli orobici.

L’esordio di Castagne è stato da favola: prima gara con la maglia dei Foxes e subito un gol per l’esterno belga. In un’intervista rilasciata alla “Gazzetta dello Sport”, il terzino ha spiegato di non aver deciso di cambiare casacca per una questione economica. A pesare sarebbero state le scelte tecniche del coach dei bergamaschi, Gian Piero Gasperini.

“Tecnicamente e tatticamente è uno dei migliori, ma zero rapporto umano”

“La decisione è maturata dopo la partita con il Psg. Sono stato provato nell’undici titolare tutta la settimana, ma alla vigilia sono stato escluso. Onestamente è stata una sorpresa – ha detto Castagne al quotidiano ‘rosa’ – Inoltre avevo bisogno di giocare con regolarità nello stesso ruolo. Una volta ero a destra, un’altra a sinistra, un’altra in panchina… Non era proprio il massimo”.

Il laterale belga ha poi tenuto a precisare che la sua valutazione su Gasperini riguarda esclusivamente l’aspetto umano. “Tecnicamente e tatticamente è uno dei top in assoluto, ma a livello umano non c’era un grande rapporto – dice Castagne – Non c’erano problemi particolari, ma lui ha il suo modo di fare. Per esempio se stai fuori sarebbe importante avere una spiegazione, ma questo aspetto con lui mancava…”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Juve, Pirlo chiude la porta a Suarez: “Passaporto difficile, non credo arriverà”

Ci ha pensato Andrea Pirlo a spazzare via anche gli ultimi dubbi su quale sarà il prossimo centravanti della...

LG Q31, l’azienda presenta il suo nuovo telefono “low-cost”: dettagli e prezzo

Cosa c'è di meglio che poter acquistare un telefono con buone specifiche tecniche ad un prezzo molto conveniente? Probabilmente nulla, ed è ciò che...

Il coronavirus ha fatto perdere molti posti di lavoro. Cala il tasso di occupazione

La pandemia di coronavirus ha causato tantissimi problemi, specialmente dal punto di vista economico. L'emergenza sanitaria e le conseguenti misure adottate dai vari governi...

Voli senza alcuna meta: l’idea di queste compagnie risolve molti problemi (non solo economici)

Con la diffusione della pandemia di coronavirus, anche il settore del turismo ha subito inevitabilmente un calo drastico. L'impossibilità di viaggiare durante il lockdown,...

Spagna, troppi casi a Madrid: la regione si prepara ad un nuovo lockdown

La pandemia di coronavirus non si arresta, e i governi europei cominciano a ragionare su un eventuale nuovo lockdown. Dopo le dichiarazioni rilasciate dal...

More Articles Like This