Wednesday, April 7, 2021

Coronavirus, quando si è veramente contagiosi?

Must Read

10 frasi della buonanotte da dedicare al tuo amore

Trovare frasi della buonanotte da dedicare alla persona che ami è un modo per dimostrare che la pensi, anche...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

L’argomento è sempre lo stesso. Coronavirus, sua diffusione e pericolosità . Secondo diversi studi e scuole di pensiero, i più pericolosi in questo senso restano gli asintomatici. Persone che hanno il virus, ma che non manifesteranno mai chiari segnali della malattia. Escono normalmente, si “mischiano” tra le persone e sono i maggiori “untori” del morbo. Peggio ancora, spesso non si sottopongono nemmeno a tampone o test sierologico. Anche se si sono “trovati” in zone ad alto rischio contagio. Non trascuriamo però anche coloro che hanno il morbo e non solo, ossi che sono palesemente affetti dal Covid 19. Cerchiamo di comprendere quando sono effettivamente contagiosi.

Coronavirus: se lo conosci, lo eviti?

Secondo uno studio condotto da Luca Ferretti del Nuffield Department of Medicine dell’università di Oxford, il periodo di maggiore contagiosità è nella cosiddetta fase asintomatica. In effetti potrebbe essere di 5 giorni o anche 15 a seconda della persona. Il periodo dei 15 giorni della suddetta incubazione poi, può essere utile per verificare dove effettivamente il soggetto ha contratto il Coronavirus. Durante i primi giorni di manifestazione chiara del Covid 19, il paziente diventa potenzialmente contagioso. Risulta fondamentale in questi casi mantenere le distanze e indossare sempre la mascherina. L’isolamento, per ora, è “l’arma consigliata” per evitare nuove diffusioni. Resta di vitale importanza scaricare app Immuni per verificare la presenza di soggetti potenzialmente a rischio nell’area di frequentazione. Certo non “disturba” la privacy in quanto chi è coinvolto resta di identità anonima. Al momento pochissimi, pare meno del 10% degli italiani, hanno scaricato o utilizzano app dedicate. Unica arma di difesa rimane quindi la prevenzione. E, naturalmente, la prudenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

10 frasi della buonanotte da dedicare al tuo amore

Trovare frasi della buonanotte da dedicare alla persona che ami è un modo per dimostrare che la pensi, anche...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This