sabato, Gennaio 16, 2021

Automotive, un settore in crisi quasi irrecuperabile

Must Read

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

Uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia da Covid-19 è stato ed è ancora sicuramente quello dell’automobile. Nei primi sei mesi dell’anno le perdite hanno raggiunto valori inimmaginabili. Si è giunti di fatto ad azzerare le vendite di un comparto di rilevanza nazionale che non riesce tutt’oggi a risalire la cima.
I mesi estivi hanno dato lievi segnali di ripresa. Agosto ha registrato dati positivi che hanno fatto sperare in un miglioramento della situazione. Un miglioramento, di fatto molto lento. Troppo per far sperare in un ribaltamento della situazione. Così, secondo gli ultimi dati di Confcommercio, le concessionarie auto in tutto il territorio nazionale hanno accusato perdite dal 40 al 60 percento. Queste enormi perdite mettono a rischio oltre 150.000 posti di lavoro.

Vendite auto, un settore poco supportato dallo Stato

Gli incentivi statali successivi allo scoppio della pandemia poco hanno potuto e, secondo gli operatori del settore, il 70% delle concessionarie è sull’orlo del fallimento.
In estate sono stati stanziati dallo Stato incentivi insufficienti. Pochi rivenditori di auto hanno potuto beneficiare dei contributi previsti e, invece di provvedimenti correttivi che avrebbero di fatto migliorato la situazione, il Governo ha deciso di stanziare incentivi maggiori per il settore dei veicoli elettrici. Proprio quelli che rappresentano una minoranza del mercato. Quanti veicoli elettrici si vedono oggi in giro? E soprattutto quanti distributori di “energia” ci sono sul territorio nazionale? Il tutto è giustificato da una politica pro ambiente che non sta facendo nulla per un ambito che necessita urgentemente di un risposta concreta per risalire la cima prima che la situazione divenga irreversibile

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This