venerdì, Ottobre 30, 2020

Automotive, un settore in crisi quasi irrecuperabile

Must Read

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente...

Uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia da Covid-19 è stato ed è ancora sicuramente quello dell’automobile. Nei primi sei mesi dell’anno le perdite hanno raggiunto valori inimmaginabili. Si è giunti di fatto ad azzerare le vendite di un comparto di rilevanza nazionale che non riesce tutt’oggi a risalire la cima.
I mesi estivi hanno dato lievi segnali di ripresa. Agosto ha registrato dati positivi che hanno fatto sperare in un miglioramento della situazione. Un miglioramento, di fatto molto lento. Troppo per far sperare in un ribaltamento della situazione. Così, secondo gli ultimi dati di Confcommercio, le concessionarie auto in tutto il territorio nazionale hanno accusato perdite dal 40 al 60 percento. Queste enormi perdite mettono a rischio oltre 150.000 posti di lavoro.

Vendite auto, un settore poco supportato dallo Stato

Gli incentivi statali successivi allo scoppio della pandemia poco hanno potuto e, secondo gli operatori del settore, il 70% delle concessionarie è sull’orlo del fallimento.
In estate sono stati stanziati dallo Stato incentivi insufficienti. Pochi rivenditori di auto hanno potuto beneficiare dei contributi previsti e, invece di provvedimenti correttivi che avrebbero di fatto migliorato la situazione, il Governo ha deciso di stanziare incentivi maggiori per il settore dei veicoli elettrici. Proprio quelli che rappresentano una minoranza del mercato. Quanti veicoli elettrici si vedono oggi in giro? E soprattutto quanti distributori di “energia” ci sono sul territorio nazionale? Il tutto è giustificato da una politica pro ambiente che non sta facendo nulla per un ambito che necessita urgentemente di un risposta concreta per risalire la cima prima che la situazione divenga irreversibile

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha fatto scendere molto il reddito...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo...

Coronavirus, mascherina obbligatoria anche all’aperto. Le multe vanno da 400 a 1.000 euro

Da questo momento in poi la mascherina diventa obbligatoria non solo nei luoghi chiusi, ma anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. E' questa la...

NBA, Lakers sul 3-1: Miami lotta ma cede 102-96, LeBron vede il suo quarto titolo

Manca solo l'ultimo passo, l'ultimo tassello ai Los Angeles Lakers per tornare di nuovo sul tetto del mondo, dieci anni dopo l'ultima volta. In...

More Articles Like This