Thursday, June 10, 2021

Referendum, stravince il Sì. Ma si risparmia davvero così tanto?

Must Read

10 frasi della buonanotte da dedicare al tuo amore

Trovare frasi della buonanotte da dedicare alla persona che ami è un modo per dimostrare che la pensi, anche...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

Larga e netta. Può essere descritta in questo modo la vittoria del Sì al referendum confermativo per il taglio dei parlamentari. Il sentimento di sfiducia nei confronti dei politici e delle Aule del Parlamento, che aleggia da tempo nella popolazione, ha trovato ampio riscontro nel voto di domenica 20 e lunedì 21 settembre.

Il Sì ha sfiorato il 70%, mentre il No si è fermato poco sopra il 30%. Risultato fin troppo chiaro, che fa esultare il Movimento 5 Stelle (battaglia storica dei grillini, ndr) e soddisfa anche il Partito Democratico, non tanto per il taglio dei parlamentari ma per un esito che garantisce la tenuta del governo giallorosso.

Ma cosa cambia con il Sì, oltre ovviamente alla riduzione del numero dei parlamentari? Quanto si risparmia realmente con questa manovra? Nelle scorse settimane si è dibattuto molto su questo aspetto, dato che il M5S ha messo sempre come priorità la necessità di ridurre i costi legati alla politica.

Il taglio dei parlamentari fa risparmiare quel famoso “caffè” a testa

Una posizione che è stata però contrastata dai sostenitori del No, convinti che il risparmio generato dalla riduzione dei parlamentari sia davvero irrisorio.

In effetti, come spiega il Corriere della Sera nell’edizione odierna, il risparmio annuo è di circa 53 milioni alla Camera e di 29 milioni al Senato. Tuttavia, dato che una parte dei compensi torna sempre allo Stato sotto forma di tasse, il risparmio netto sarebbe inferiore: 37 milioni per la Camera e 27 milioni per il Senato. In tutto 64 milioni di euro, anche meno di quel famoso “caffè” a testa per ogni cittadino italiano.

Oltre che a livello economico, il taglio dei parlamentari lascia diversi dubbi anche in termini di rappresentanza. Se prima veniva garantito un deputato ogni 96.000 abitanti, con il Sì ce ne sarebbe uno ogni 151.000. Stesso discorso per il Senato: il taglio comporta infatti un senatore ogni 302.000 abitanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

10 frasi della buonanotte da dedicare al tuo amore

Trovare frasi della buonanotte da dedicare alla persona che ami è un modo per dimostrare che la pensi, anche...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This