venerdì, Ottobre 30, 2020

Referendum, stravince il Sì. Ma si risparmia davvero così tanto?

Must Read

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente...

Larga e netta. Può essere descritta in questo modo la vittoria del Sì al referendum confermativo per il taglio dei parlamentari. Il sentimento di sfiducia nei confronti dei politici e delle Aule del Parlamento, che aleggia da tempo nella popolazione, ha trovato ampio riscontro nel voto di domenica 20 e lunedì 21 settembre.

Il Sì ha sfiorato il 70%, mentre il No si è fermato poco sopra il 30%. Risultato fin troppo chiaro, che fa esultare il Movimento 5 Stelle (battaglia storica dei grillini, ndr) e soddisfa anche il Partito Democratico, non tanto per il taglio dei parlamentari ma per un esito che garantisce la tenuta del governo giallorosso.

Ma cosa cambia con il Sì, oltre ovviamente alla riduzione del numero dei parlamentari? Quanto si risparmia realmente con questa manovra? Nelle scorse settimane si è dibattuto molto su questo aspetto, dato che il M5S ha messo sempre come priorità la necessità di ridurre i costi legati alla politica.

Il taglio dei parlamentari fa risparmiare quel famoso “caffè” a testa

Una posizione che è stata però contrastata dai sostenitori del No, convinti che il risparmio generato dalla riduzione dei parlamentari sia davvero irrisorio.

In effetti, come spiega il Corriere della Sera nell’edizione odierna, il risparmio annuo è di circa 53 milioni alla Camera e di 29 milioni al Senato. Tuttavia, dato che una parte dei compensi torna sempre allo Stato sotto forma di tasse, il risparmio netto sarebbe inferiore: 37 milioni per la Camera e 27 milioni per il Senato. In tutto 64 milioni di euro, anche meno di quel famoso “caffè” a testa per ogni cittadino italiano.

Oltre che a livello economico, il taglio dei parlamentari lascia diversi dubbi anche in termini di rappresentanza. Se prima veniva garantito un deputato ogni 96.000 abitanti, con il Sì ce ne sarebbe uno ogni 151.000. Stesso discorso per il Senato: il taglio comporta infatti un senatore ogni 302.000 abitanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha fatto scendere molto il reddito...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo...

Coronavirus, mascherina obbligatoria anche all’aperto. Le multe vanno da 400 a 1.000 euro

Da questo momento in poi la mascherina diventa obbligatoria non solo nei luoghi chiusi, ma anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. E' questa la...

NBA, Lakers sul 3-1: Miami lotta ma cede 102-96, LeBron vede il suo quarto titolo

Manca solo l'ultimo passo, l'ultimo tassello ai Los Angeles Lakers per tornare di nuovo sul tetto del mondo, dieci anni dopo l'ultima volta. In...

More Articles Like This