venerdì, Ottobre 30, 2020

Coronavirus, le stime di Standard & Poor’s fanno sperare: calo del PIL più contenuto del previsto

Must Read

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente...

Il Prodotto Interno Lordo del nostro Paese avrà probabilmente una stima negativa inferiore rispetto a quanto preventivato qualche mese fa. La diffusione della pandemia di coronavirus e la necessità di introdurre la drastica misura del lockdown per arginare il contagio aveva fatto temere il peggio a tutti i principali esperti di economia.

La situazione non è di certo rosea, e prima di riuscire a tornare ai livelli pre-Covid ci vorrà ancora molto tempo. Tuttavia, stando a quanto riferito da Standard & Poor’s (e prima ancora dalla Banca d’Italia, ndr), si può guardare avanti con rinnovata fiducia. L’agenzia di rating ha infatti migliorato la stima sul PIL italiano del 2020: dal 9,5% dell’ultima rilevazione si è passati ad un 8,9%. Ma non è tutto, perchè è sempre Standard & Poor’s a rivelare che la crescita per il 2021 avrà un rimbalzo più concreto rispetto alle stime precedenti: 6,4%, oltre un punto in più rispetto al 5,3% precedentemente indicato.

Confortanti anche le stime che riguardano la prospettiva di crescita e la disoccupazione

Per farla breve, l’agenzia di rating evidenzia come l’Eurozona abbia sostanzialmente retto l’urto del coronavirus, e la ripresa sembra essere “più veloce del previsto”. Le stime appaiono “confortanti” anche dal punto di vista della prospettiva di crescita e della disoccupazione. Ma è la stessa Standard & Poor’s ad invitare a prendere queste stime con soddisfazione ma allo stesso tempo a non abbassare la guardia: l’Eurozona deve ora affrontare una fase di transizione che l’agenzia di rating definisce “complicata”.

“Con il persistere di basse spinte inflazionistiche – afferma S&P nel report – non ci aspettiamo che la Banca centrale europea attui una stretta sulla politica monetaria in tempi brevi, sia in termini di tassi d’interesse e sia dal punto di vista dei bilanci”.

Le stime dicono che l’Europa sta lavorando comunque bene, e anche il Governo italiano sta facendo pienamente la sua parte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha fatto scendere molto il reddito...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo...

Coronavirus, mascherina obbligatoria anche all’aperto. Le multe vanno da 400 a 1.000 euro

Da questo momento in poi la mascherina diventa obbligatoria non solo nei luoghi chiusi, ma anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. E' questa la...

NBA, Lakers sul 3-1: Miami lotta ma cede 102-96, LeBron vede il suo quarto titolo

Manca solo l'ultimo passo, l'ultimo tassello ai Los Angeles Lakers per tornare di nuovo sul tetto del mondo, dieci anni dopo l'ultima volta. In...

More Articles Like This