sabato, Ottobre 31, 2020

Mercato immobiliare stravolto da Airbnb: Amsterdam attacca la piattaforma e studia soluzioni

Must Read

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente...

La pandemia di coronavirus ha comportato enormi problemi economici praticamente in tutti i settori, compreso quello del mercato immobiliare. L’impossibilità di spostarsi per vacanza è senza dubbio uno dei fattori che ha contribuito maggiormente al calo, ma nonostante questa situazione continua ad emergere uno scontro tra le autorità locali e Airbnb.

Anche ad Amsterdam, come già accaduto in altre capitali europee come Parigi e Berlino, i sindaci chiedono maggiori tutele per difendersi dall’espansione della piattaforma online, nota per riuscire a mettere in contatto persone in cerca di un alloggio o di una camera per brevi periodi.

Il successo di Airbnb non va proprio giù ai primi cittadini, che vogliono avere più controllo sul mercato degli affitti della propria città. D’altronde, la sentenza della Corte di giustizia europea aveva già stabilito che Airbnb, in qualità di piattaforma online, non era tenuta a sottostare alla stessa legislazione che regola il mercato immobiliare.

La soluzione di Amsterdam: “Imporre un limite al numero legale di notti per affitti a breve termine”

In un’intervista rilasciata a Euronews, il responsabile del programma alloggi del comune di Amsterdam, Albert Eefting, spiega nel dettaglio la posizione del sindaco e dell’intera amministrazione.

“I cittadini si lamentano molto del chiasso e della trasformazione dei loro quartieri a causa di questo nuovo tipo di turismo. L’aumento sregolato degli affitti a breve termine sta creando una vera e propria emergenza abitativa perché ad Amsterdam l’offerta immobiliare è molto limitata – chiarisce Eefting – Se tutti gli appartamenti residenziali venissero trasformati in stanze per turisti, prima o poi non si avrebbero più appartamenti dove vivere. Se esistono gli hotel ci sarà motivo?”.

“Credo che vada imposto un limite al numero legale di notti per gli affitti a breve termine – aggiunge Eefting – Un appartamento residenziale non si può utilizzare come hotel, perché gli affitti di lungo termine hanno uno scopo sociale che va tutelato”. Chissà che presto o tardi la querelle non si sposti anche in Italia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha fatto scendere molto il reddito...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo...

Coronavirus, mascherina obbligatoria anche all’aperto. Le multe vanno da 400 a 1.000 euro

Da questo momento in poi la mascherina diventa obbligatoria non solo nei luoghi chiusi, ma anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. E' questa la...

NBA, Lakers sul 3-1: Miami lotta ma cede 102-96, LeBron vede il suo quarto titolo

Manca solo l'ultimo passo, l'ultimo tassello ai Los Angeles Lakers per tornare di nuovo sul tetto del mondo, dieci anni dopo l'ultima volta. In...

More Articles Like This