sabato, Gennaio 16, 2021

Omicidio Vannini. Finalmente la condanna. E’ davvero finita?

Must Read

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

Per l’omicio di Marco Vannini, il bagnino 21 enne morto la sera del 18 maggio a Ladispoli, finalmente giustizia è fatta. O almeno, non ci dovrebbero essere ulteriori sentenze. Il giudice ha deciso. 14 Anni per Antonio Ciontoli, 9 anni e 4 mesi per i figli Martina e Federico. Altrettanti per la moglie Maria Pezzillo. Ciontoli ha fatto affermazioni “pesanti” durante il processo. Si è detto pentito per quello che ha fatto. Soprattutto per il dolore che ha causato ai genitori di Marco per le azioni commesse la sera dell’omicidio. Sarebbe bastato un celere soccorso e il ragazzo non sarebbe morto. Convinto che avrebbe potuto essere curato facilmente, non ha tenuto conto dei rischi che correva. Fino a quando non è accaduto l’irreparabile.

Omicidio Vannini, le dichiarazioni della madre

“Non deve chiedere perdono a me, ma a se stesso- ha dichiarato la madre della vittima- io non cerco vendetta, ma giustizia!”. A quanto pare con la sentenza di oggi, i genitori possono, almeno per questo, ritenersi soddisfatti. Ma nessuna condanna riporterà indietro il giovane descritto dal suo stesso carnefice come “bello come il sole e buono come il pane”. Quella sera di metà maggio Vannini era a casa della fidanzata Martina. L’unico posto dove mai si potesse immaginare sarebbe accaduto un omicidio. Quel colpo di pistola che l’ha ucciso sarebbe partito accidentalmente. Ma nessuno ha pensato che la situazione potesse sfuggire di mano. Furono chiamati i soccorsi due volte mentre il giovane urlava e chiedeva aiuto. Prostrato dal dolore lancinante per il proiettile che lo aveva colpito. Il giovane è morto in una pozza di sangue. Senza aiuto, dissanguato. Solo questo avrebbe dovuto servire ad indignare i presenti e cercare giustizia per un innocente morto senza alcuna colpa. E ora, almeno sembra, i giudici hanno tenuto conto di questa morte assurda e senza pietà. La corte si è espressa… Nuovamente. Ora Marco potrà finalmente sorridere per sempre in pace.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This