sabato, Ottobre 31, 2020

ISTAT, il reddito delle famiglie italiane sceso del 5,8%. Forte calo anche per i consumi

Must Read

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente...

La pandemia di coronavirus ha prodotto un forte calo del reddito nelle famiglie italiane, con un inevitabile crollo dei consumi. E’ la panoramica che emerge dagli ultimi dati forniti dall’ISTAT, che fanno riferimento al secondo trimestre del 2020, quello maggiormente interessato dai disagi provocati dallo scoppio della pandemia.

L’istituto di statistica evidenzia che il lockdown, imposto dal governo italiano per frenare l’ascesa dei contagi, ha comportato una diminuzione del 5,8% del reddito disponibile delle famiglie italiane rispetto al trimestre precedente. I consumi sono scesi dell’11,5% rispetto alla precedente rilevazione, con una propensione al risparmio da parte delle famiglie che è aumentata del 5,3% rispetto al trimestre precedente.

L’ISTAT ha poi rivisto al ribasso anche le stime che riguardano l’andamento del PIL nel secondo trimestre. In precedenza, l’Istituto di Statistica aveva indicato cali del 12,8% in termini congiunturali e del 17,7% in termini tendenziali. La correzione riporta invece un calo del 13% rispetto al primo trimestre dell’anno e del 18% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il deficit in rapporto al PIL nel secondo trimestre del 2020 è salito al 10,3%, mentre la pressione fiscale è stata del 43,2%, con un aumento dell’1,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il premier Conte: “Tutelare la salute dei cittadini è tutelare l’economia”

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenuto al terzo Forum internazionale del Gran Sasso presso l’università degli Studi di Teramo, ha ribadito che “tutelare la salute dei cittadini è tutelare anche l’economia”.

“I Paesi che hanno fatto una scelta diversa sono andati a sbattere e adesso si ritrovano in grande difficoltà – ha affermato il premier – perché non si può pensare di correre sul piano economico senza garantire la sicurezza degli operai, dei lavoratori pubblici, dei cittadini”.

“Non possiamo permetterci di abbassare l’attenzione – ha poi aggiunto Conte – I sacrifici fatti si disperderebbero in un baleno se non mantenessimo sempre alta la soglia di attenzione”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha fatto scendere molto il reddito...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo...

Coronavirus, mascherina obbligatoria anche all’aperto. Le multe vanno da 400 a 1.000 euro

Da questo momento in poi la mascherina diventa obbligatoria non solo nei luoghi chiusi, ma anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. E' questa la...

NBA, Lakers sul 3-1: Miami lotta ma cede 102-96, LeBron vede il suo quarto titolo

Manca solo l'ultimo passo, l'ultimo tassello ai Los Angeles Lakers per tornare di nuovo sul tetto del mondo, dieci anni dopo l'ultima volta. In...

More Articles Like This