sabato, Ottobre 31, 2020

Il settore immobiliare regge l’urto della pandemia. A soffrire di più è il mercato degli affitti

Must Read

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente...

La pandemia di coronavirus ha letteralmente messo in ginocchio ogni settore, comportando delle conseguenze economiche che si protrarranno per molto tempo. Turismo e ristorazione sono probabilmente i mercati che hanno subito maggiormente l’urto del Covid-19, ma c’è un altro settore per cui si temevano crolli pesantissimi.

Stiamo parlando del mercato immobiliare, che a detta degli analisti avrebbe avuto un recesso identico o addirittura superiore a quello del 2008, quando la crisi economica investì il mondo intero. Effettivamente, le previsioni di caduta del PIL e le informazioni provenienti da Cina e Stati Uniti che riportavano un netto calo nella compravendita delle case facevano temere davvero il peggio.

Ma è andata davvero così? Stando ai dati odierni si potrebbe dire di no, anche se il percorso è ancora lungo e tortuoso. L’amministratore delegato di Immobiliare.it, Carlo Giordano, ha rilasciato un’intervista al quotidiano “Il Post”, dove spiega cosa è accaduto durante i mesi di lockdown nel settore immobiliare e cosa sta succedendo adesso.

Offerta molto più alta della domanda, ma i prezzi reggono

Nel secondo trimestre del 2020 il volume della compravendita di abitazioni è sceso del 27,2% rispetto all’anno precedente (dato non ancora definitivo, ndr), a dimostrazione di come la pandemia abbia inferto un colpo durissimo a questo mercato. Tuttavia, nel trimestre che si è appena concluso i dati (non ancora disponibili) dovrebbero certificare una ripresa.

Un buon segnale di “salute” deriva dai prezzi, che non sono scesi nonostante l’ovvio calo di acquirenti. Anche nel periodo che va tra luglio e settembre il prezzo nel settore residenziale è aumentato dello 0,9%.

Se la compravendita pare aver tutto sommato retto, il mercato degli affitti è in fortissimo affanno. Ci sono tantissime offerte, ma pochissime domande, come nel caso di Milano, dove l’offerta è aumentata addirittura del 68,7%. Stesso discorso per le stanze, specialmente in città universitarie come Bologna, dove il calo è determinato anche dall’incertezza relativa alle lezioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Qualcomm lavora ad un suo gaming phone (con Snapdragon 875): l’aiuto arriva da Asus

Qualcomm sta lavorando ad un proprio gaming phone che potrebbe essere lanciato verso la fine del 2020. La gustosa...

Coronavirus, con la pandemia aumentano i guadagni dei “già miliardari”: in Italia sono 40

La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare il PIL, ha comportato una forte perdita di posti di lavoro, ha fatto scendere molto il reddito...

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Il lockdown e più in generale l'emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo...

Coronavirus, mascherina obbligatoria anche all’aperto. Le multe vanno da 400 a 1.000 euro

Da questo momento in poi la mascherina diventa obbligatoria non solo nei luoghi chiusi, ma anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. E' questa la...

NBA, Lakers sul 3-1: Miami lotta ma cede 102-96, LeBron vede il suo quarto titolo

Manca solo l'ultimo passo, l'ultimo tassello ai Los Angeles Lakers per tornare di nuovo sul tetto del mondo, dieci anni dopo l'ultima volta. In...

More Articles Like This