venerdì, Gennaio 22, 2021

Mangiare carne fa male alla salute? Dieci medici cercano di fare chiarezza

Must Read

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

Davvero mangiare carne fa male alla salute? No, se consumata nelle dosi giuste e senza lasciarsi andare ad esagerazioni. E’ quanto riportato nel libro “Carne e salute. Leggere con attenzione fa bene alla salute”, realizzato grazie al contributo di dieci medici, ognuno con le rispettive specializzazioni.

L’idea di questo testo è di Coalvi, il consorzio che tutela la razza piemontese e certifica la carne dal 1984. Nell’iniziativa, che è stata presentata ieri a Torino, si cerca di fare chiarezza in merito alla correlazione tra il consumo di carne e l’organismo, specificando che le carni di eccellente qualità, tra cui proprio la rossa di Fassone di Razza Piemontese (poverissima di colesterolo, molto simile al pesce azzurro), non possono che essere considerati alimenti che favoriscono il benessere fisico.

Il testo, che si basa su fonti scientifiche e accademiche, vede il contributo di un cardiologo, di alcuni ginecologi, di una pediatra e di un geriatria, di uno specialista in medicina del lavoro e di un professore di anatomia umana, oltre che di un medico dello sport.

La rossa di Fassone ha un indice aterogenico come quello delle orate 

Nel lavoro presentato da Coalvi si cerca anche di smontare la teoria che vuole l’uomo in partenza “non carnivoro”, sottolineando che la macellazione degli animali veniva effettuata anche nell’antichità più datata. Naturalmente, in presenza di alcune particolari patologie, è bene limitare il consumo di carne, come ricorda anche il cardiologo Simone Tresoldi.

“I prodotti di origine animale non dovrebbero occupare uno spazio eccessivo nel nostro menu quotidiano a causa della quantità di grassi e colesterolo che contengono”, spiega Tresoldi, che tuttavia precisa come alcuni grassi non siano dannosi, ma al contrario costituiscono “elementi protettivi per diverse patologie”.

E’ proprio Tresoldi a dare il via libera alla rossa di Fassone di Razza Piemontese, che ha un indice aterogenico compreso tra 0,3 e 0,4: “Una fascia nella quale si trovano pesci come l’orata e la trota”, aggiunge il cardiologo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This