venerdì, Gennaio 22, 2021

Il turismo ferroviario riparte con i treni storici. Itinerari da sogno tra montagne e laghi

Must Read

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

Il lockdown e più in generale l’emergenza sanitaria hanno inflitto un duro colpo al turismo e ai viaggi, specialmente quelli internazionali. Anche il turismo ferroviario ha risentito parecchio degli effetti della pandemia di coronavirus, ma ora, seppure con molta cautela, sembra che finalmente anche questa attività possa riprendere, permettendo di visitare i luoghi più affascinanti della nostra Italia.

Sono soprattutto i treni storici ad attirare i turisti, che vengono anche dall’estero per ammirare i paesaggi incantevoli a bordo di carrozze che percorrono tracciati d’altri tempi. Piano piano questa possibilità viene di nuovo concessa, sempre rispettando le norme anti-Covid, a cominciare dal distanziamento dei posti a bordo dei treni e all’obbligo delle mascherine protettive.

Ma quali sono le tratte storiche più amate dai viaggiatori? La più famosa è forse la Sulmona-Carpinone, in Abruzzo e Molise, meglio nota come “Transiberiana d’Italia”. Un’esperienza unica, pienamente coinvolgente, ad oltre mille metri di altitudine, attraversando il Parco Nazionale della Majella e le vette delle due regioni. Sabato 1 agosto è ripartito il primo treno, che ha fatto registrare subito il tutto esaurito. Sarà possibile viaggiare sulla Transiberiana d’Italia tutti i weekend fino a dicembre 2020.

Sebino Express e Laveno Express, anche la Lombardia riparte con i treni storici

Emozionante anche il Sebino Express, che da Milano conduce fino al Lago d’Iseo, ripartito lo scorso 6 settembre. E sempre in Lombardia, doveroso menzionare il Laveno Express, che conduce i turisti da Milano Centrale a Laveno, sul Lago Maggiore, a bordo di una locomotiva a vapore.

“La crisi generata dal coronavirus ci impone di ripensare l’offerta dell’esperienza di viaggio – spiega Gianfranco Battisti, amministratore delegato del Gruppo Fs Italiane – mettendo al centro le persone e la sicurezza sanitaria e ridistribuendo i flussi turistici verso destinazioni non tradizionali attraverso la riscoperta di forme di turismo lento a bordo dei treni storici della Fondazione Fs”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This