domenica, Gennaio 17, 2021

Coronavirus, spostamento tra comuni a Natale? La decisione

Must Read

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca,...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa,...

Coronavirus vietato lo spostamento tra comuni. Almeno per i giorni 25, 26 dicembre e 1 gennaio. E’ quanto era stato stabilito dal decreto legge 2 dicembre. Ma il decreto legislativo potrebbe subìre variazioni. Ci sono state diverse critiche a seguito di quella decisione. Si parlava di isolamento per persone anziane. Peggio di isolamento per chi vive purtroppo da solo, lontano dalla famiglia. Il decreto non è ancora deciso

Coronavirus, il nuovo decreto. Cosa cambierà?

Il premier Conte, si sarebbe forse deciso a cambiare il decreto. E a consentire a famiglie che abitano in comuni diversi di riunirsi. Quantomeno a Natale. Dunque il vecchio detto “Natale con i tuoi” sta sortendo gli effetti desiderati? Pare proprio di sì. Anche se, almeno fino ad oggi, una decisione concreta e definitiva non è stata ancora presa. D’altra parte la stratta sul “Natale” aveva sollevato diverse polemiche per comuni e province. Si sarebbero penalizzati i comuni troppo piccoli. O quelli a bassa densità abitativa. Oppure, come detto, gli anziani che vivono da soli e che attendono proprio la mitica festività per riunirsi con la propria famiglia.

Le proposte delle Regioni

Intanto alcune regioni, come Piemonte e Liguria, avevano lanciato la controproposta. Si era messo sul tavolo delle trattative un modo per vietare gli spostamenti solo fuori provincia. Non più fuori Comune. Questo, data la presenza di comuni a bassissima densità abitativa, stiamo parlando di massimo 5000 abitanti, che, in caso di isolamento, sarebbero svantaggiati rispetto alle grandi città. Da ribadire poi che in questi piccoli comuni, per la maggiore, abitano solo anziani o persone sole. Lasciarli isolati in questa ricorrenza di fine anno, avrebbe davvero significato un Natale fortemente differente rispetto agli altri. E troppo in peggio. Resta comunque il rovescio della medaglia. Si teme una terza ondata se si desse spazio al “liberi tutti”. Così come è accaduto questa estate. O negli States in conseguenza della festa del Ringraziamento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest News

Cyberbullismo al tempo del Covid19

La tecnologia, ormai, è entrata a far parte della nostra quotidianità. Se utilizzata correttamente può rappresentare un vero e...

Patate semplici in padella: ricetta e procedimento

Patate semplici in padella. Per un contorno veloce, saporito e delicato. Adatto ad ogni secondo piatto. Alla carne bianca, rossa, al pesce. Piacciono ai...

Smart Working in pigiama? Ecco le conseguenze

Smart working. Il nuovo modo di lavorare oggi a causa delle Pandemia Covid 19. E' comodo, ci si rilassa, si evitano code e traffico....

Baci di dama… Buoni e belli fatti in casa!

Baci di dama. Teneri, dolci, squisiti pasticcini al gusto di cioccolata. O di qualunque altra cosa noi preferiamo. Dipende dal gusto personale. Sono perfetti...

Streaming a pagamento o cinema nelle sale?

Lo streaming a pagamento soppianterà il cinema nelle sale? Questa domanda, dalle implicazioni epocali per la settima arte, è di estrema attualità. Soprattutto ora...

More Articles Like This