In occasione dell´ottava edizione dell´International Infrastructure Investment and Construction Forum, svoltosi a inizio giugno in Cina, le compagnie locali hanno confermato il proprio interesse a investire nella realizzazione di infrastrutture stradali in Bosnia ed Erzevovina, informa Sarajevo Times.

In particolare, le infrastrutture d´interesse sono quelle legate alle sezioni ancora da realizzare del Corridoio 5C; il modello di riferimento è quello delle concessioni, ottenute magari attraverso la creazione di partnership pubblico - privato. L´evento ha visto la partecipazione del Ministro dei Trasprti e Comunicazioni di Bosnia ed Erzegovina Ismir Jusko, che ha tra l´altro presentato il potenziale infrastrutturale del territorio, connesso anche le caratteristiche geografiche, con particolare riferimento proprio al Corridoio 5C.

Gli investimenti in infrastrutture in Bosnia ed Erzegovina favorirà lo sviluppo e porterà alla crescita dell´occupazione, migliorerà le reti di trasporto su strada, portando a risparmi di tempo per gli utenti e alla riduzione delle emissioni, contribuendo così alla salvaguardia dell´ambiente.